Le maschere regionali italiane

maschere_regionali_di_carnevaleLe maschere regionali italiane

L’Italia ha una grande ricchezza di maschere regionali di Carnevale, di origine diversa: sono nate dal teatro dei burattini, dalla Commedia dell’arte, da tradizioni arcaiche, oppure sono state ideate appositamente come simboli dei festeggiamenti carnevaleschi di varie città.

È generalmente accettato che le maschere, il rumore, il colore e il clamore avessero avuto in origine lo scopo di scacciare le forze delle tenebre e l’inverno, e di aprire la strada per l’arrivo della primavera[1].11150194_693519904090314_3657991297083845983_n


Regioni e maschere di Carnevale


Abruzzo

La maschera ufficiale della regione è Frappiglia, che riuscì ad ingannare persino il diavolo, ma che ancora porta i segni del suo viaggio all’inferno[2]. Si deve ricordare anche Patanello, di Francavilla al mare[3], e il Pulcinella abruzzese[4].


Basilicata

La Basilicata ha maschere legate alla tradizione arcaiche e contadine, a volte legate al personaggio dell’uomo selvatico. Le zoomorfe maschere del Toro e della Mucca compaiono durante il Carnevale di Tricarico[5]. Tipici del Carnevale di Satriano sono i particolarissimi Rumit, sorta di alberi semoventi che provengono dai boschi ed invadono il paese, l’Urs e la Quaresima[6]. I Campanacci caratterizzano invece il carnevale di San Mauro Forte[7] e il carnevale di Montescaglioso. In quest’ultimo centro tra le tante maschere si ricordano anche la quaremma, il cucibocca, u’ zembr, u’ fus’ (o “la parca”) e ’u zit’ e ’a zita[8].

Urs

Quares’m

Mucca e Toro


Calabria

La maschera calabrese è Giangurgolo[9], che da una parte mette in ridicolo le persone che imitavano i cavalieri siciliani “spagnoleggianti”, ma che ha anche tratti diversi, legati ad una leggenda catanzarese. In essa lotta coraggiosamente contro l’occupazione spagnola e viaggia con un carrozzone da teatro col quale, insieme ad alcuni suoi amici, propone spettacoli satirici incitando il popolo alla rivolta. È una maschera della Commedia dell’arte.

Non si dimentichino però le altre maschere che sono sparse in tutto il territorio isolano quali:

  • su Maimulu di Ulassai
  • O’Sincu S’Attitidu di Bosa
  • Sos Urtos e i Buttutos di Fonni
  • Sas Mascheras a lenzolu di Aidomaggiore
  • Sos Cotzulados di Cuglieri
  • Sas Mascaras Nettas e Sas Mascaras Bruttas di Lodè
  • Is Mustayonis e s’Orcu Foresu di Sestu
  • Is Cerbus di Sinnai ( che inscenano il rituale arcaico e ancestrale della caccia al cervo)
  • Is Facciolas di Villaputzu (rappresenta l’uomo coniglio e trae origine dal culto dionisiaco)
  • Su Colonganus di Austis
  • S’Urtzu e is Sonaggiaos di Ortueri
  • S’Urtzu e sos Bardianos di Ulà Tirso
  • Sos Tumbarinos di Gavoi[42]
  • Su Battileddu di Lula
  • Is Mamutzones di Samugheo (riscoperti negli anni Ottanta)
  • Is Scruzzonis di Siurgus Donigala (inaugurata nel 2012, durante il carnevale invernale del paese, ma di vecchia origine)
  • S’Ainu Orriadore di Scano Montiferro (riscoperta negli anni Ottanta)
  • Sos Coriolos di Neoneli
  • Su Segaripezza di Laconi
  • Su Traigolzu di Sindia
  • Sos Bundos di Orani
  • Sos Thurpos di Orotelli
  • Su Maimone di Oniferi
  • Sos Corrajos di Paulilatino
  • Sos Intintos di Ovodda e di Tiana
  • Sa maschera e porcu di Olzai
  • Sa maschera e gattu di Sarule

La scura maschera del carnevale guspinese è Cambas de Linna, mentre quella della Sartiglia di Oristano è su Cumponidori, dall’inquietante aspetto androgino. Il carnevale di Tempio Pausania vede la presenza de lu Traicogghju, arcaica sintesi tra figura animalesca e maschera demoniaca, la Réula (schiera dei morti), e lu Linzolu cupaltatu, figura femminile avvolta in un lenzuolo e per questo irriconoscibile e disinibita. Non di meno importanza sono le maschere del carnevale di Ollolai chiamate Sos Bumbones, sono Sos Truccos o Sos Turcos, Maria Vressada, Maria Ishoppa e Sa Mamm’e e su Sole. Queste maschere sono figure femminili rappresentate da uomini avvolti in un pizzo bianco, mentre sulle spalle portano una mantella e uno scialle rosso, viola e blu. Nella maggior parte delle maschere sarde viene utilizzato come abito la cosiddetta mastruca o pelle di pecora(nera e/o bianca a seconda della tipologia della maschera), accompagnato anche da campanacci di differente grandezza. Le stesse maschere il più delle volte rappresentano animali i quali vengono domati e catturati o uccisi dall’uomo, la cui maschera in alcuni casi è deforme.

L’Umbria e le sue maschere

Il perugino Bartoccio è la maschera più nota dell’Umbria[44], rozzo, ma sagace, gioviale e saggio, fustigatore dei liberi costumi, ma anche dei cattivi amministratori; è protagonista delle tipiche bartocciate del carnevale perugino, che mettono alla berlina tutti e tutto[45].

Al carnevale di Avigliano Umbro del 2015 fanno la loro comparsa quattro maschere umbre della Commedia dell’Arte, associate ai quattro rioni del paese: Nasotorto, Nasoacciaccato, Chicchirichella e Rosalinda.[46] Vengono fatte risalire a una filastrocca del cinquecento e parlano nel dialetto di quella parte dell’Umbria che va dall’Alta Valle del Tevere fino alla Conca Ternana. A Montecastrilli sono nate anche le “Chicchirichelle” dolci all’arancia con la forma del cappello di Chicchirichella.



Categorie:Uncategorized

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

CULTURE VISIVE, SIMBOLICHE E MATERIALI - VISUAL, SYMBOLIC AND MATERIAL CULTURES

ESTETICA ORGANICA- PER UNA TEORIA DELLE ARTI

ORGANIC AESTHETICS - FOR A THEORY OF THE ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS LIVE

Sonus Online Music Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

IN POETRY - PHENOMENOLOGY OF LITERATURE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: